Crea sito

Il MCU dice addio a Spiderman?

Oggi è un giorno molto triste per tutti i fan dei film Marvel. Nella giornata di ieri è stato annunciato che Sony e Disney non collaboreranno più nella produzione di film dedicati a Spiderman. Scopriamo insieme cosa è successo.

All’origine del conflitto

Per capire fino in fondo le ragioni che hanno portato alla rottura tra Disney e Sony, è necessario fare un piccolo salto indietro.

Siamo negli anni Novanta. In quel periodo le cose non andavano molto bene in casa Marvel. Per far fronte alla crisi, la Marvel decise di vendere i diritti cinematografici di alcuni dei supereroi più amati (X-Men, Hulk, Fantastici 4). Tra questi compare anche Spiderman, i cui diritti vennero ceduti a Sony.  Tra il 2002 e il 2014, Sony ha prodotto ben cinque film sull’Uomo-Ragno, che si sono rivelati degli ottimi incassi a livello mondiale. Nel 2016 sarebbe dovuto uscire il terzo film della saga The Amazing Spiderman, ma nel 2015 è stato cancellato.

Il ritorno del figliol prodigo

Nel frattempo, i Marvel Studios hanno iniziato a produrre pellicole sui propri personaggi e così sono iniziate le trattative con Sony per introdurre Spiderman nel Marvel Cinematic Universe. Tra le due parti si è giunti ad un accordo, ed è così che Peter Parker fa la sua prima apparizione nell’MCU in Captain America: Civil War (2016), con il volto di Tom Holland. Da allora lo abbiamo visto in diverse pellicole, tra cui il recentissimo Spiderman: Far From Home (2019), che ha incontrato il favore del pubblico, diventando un successo al botteghino.

Secondo l’accordo stipulato nel 2015, la Marvel aveva la totale libertà di sviluppo sul personaggio (scelta del cast e della regia), mentre Sony ne deteneva i diritti cinematografici (promozione e diffusione di trailer, immagini e poster).

La fine di un idillio

I primi problemi sono arrivati con Far From Home. Infatti, la Sony ha insistito affinché la pellicola uscisse nel 2019, esattamente due anni dopo Spiderman: Homecoming (2017). I Marvel Studios avrebbero preferito che il film arrivasse al cinema non prima del 2020, a causa dei numerosi spoiler su Avengers: Endgame (2019). Invece, subito dopo la diffusione del primo teaser trailer, Kevin Feige è stato costretto ad annunciare che le vicende del film si svolgono dopo gli avvenimenti di Endgame, confermando così il ritorno di Peter Parker.

In seguito a queste vicende, Sony e Disney erano in trattativa per trovare un accordo sul futuro del personaggio. Ma, a quanto pare, non si è arrivati a nessun accordo, e ieri sera è stato annunciato che Kevin Feige e la Disney sono stati estromessi da tutte le future produzioni sul personaggio.

Il motivo della rottura è di natura economica: dato l’enorme successo al botteghino di Far From Home, la Disney voleva rivedere i termini dell’accordo. Se prima le spese di produzione dei film su Spiderman erano completamente a carico della Sony, con il nuovo accordo la Disney avrebbe contribuito al 50% delle spese, per poi dividere più equamente i guadagni. La Sony ha ovviamente rifiutato l’offerta, preferendo interrompere la collaborazione con i Marvel Studios. Se così dovesse essere, Spiderman sarebbe davvero fuori dall’MCU e alla Disney rimarrebbero soltanto i diritti sul merchandise.

Cosa accadrà adesso?

La Sony si è dichiarata molto delusa da tutta la faccenda e per il momento non sembra voler ritornare sui suoi passi. Ciò che sembra essere certo è che Peter Parker non apparirà più in nessun film targato Marvel Studios. Secondo il contratto che Tom Holland ha firmato con Sony, dovrebbero essere prodotti altri due film su Spiderman, con alla regia Jon Watts. È probabile, dunque, che questi film saranno totalmente slegati dalle vicende dell’MCU.

Non ci resta, quindi, che attendere nuovi sviluppi. Chissà, magari Disney e Sony potrebbero ripensarci e riuscire a trovare un accordo che soddisfi entrambe le parti. I fan Marvel sarebbero davvero felici di rivedere l’impacciato Peter Parker nell’MCU, soprattutto adesso che Spidey non è più sotto l’ala protettiva di Tony Stark.

Dalla redazione di Magic Times per ora è tutto.

Alla prossima,

 

 

Mulan
Scrittrice a tempo perso, sognatrice a tempo pieno. Laureata in lingue moderne, amo leggere e mi rifugio nella scrittura ogni volta che sento il bisogno di staccare un po'. Amante della Disney da quando ho memoria, credo che i sogni vadano inseguiti sempre, non importa quanto possano sembrare irrealizzabili.
Scroll to top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: